DL Rilancio e sanità: servono più risorse per i servizi territoriali

DL Rilancio e sanità: servono più risorse per i servizi territoriali

Attività sindacali | Negoziazione sociale

05/06/2020



L’analisi della segreteria nazionale Cisl

Il DL Rilancio (dl 19 maggio 2020) elenca in ben 24 articoli le misure per il rafforzamento del sistema sanitario. La segreteria nazionale Cisl ha elaborato una dettagliata analisi esplicativa, che proponiamo nel dettaglio nella scheda in allegato. 

Ecco in sintesi quanto emerge dalla valutazione complessiva delle novità introdotte:

  • le risorse stanziate dal decreto, 3,250 miliardi, sono significative ma ancora inadeguate rispetto ai mancati finanziamenti degli ultimi dieci anni 
  • si evidenzia il rischio di uno sbilanciamento a favore della rete ospedaliera, ambito in cui quasi tutte le misure adottate sono di carattere strutturale e quindi non transitorio, mentre al contrario le disposizioni mirate alla riorganizzazione dei servizi territoriali restano collegate al periodo emergenziale e quindi limitate al solo 2020 

Proprio nei giorni scorsi come Fnp Cisl Veneto, assieme a Spi Cgil Veneto e Uilp Uil Veneto abbiamo elaborato una serie di proposte per il rafforzamento della sanità territoriale: si tratta di misure realizzabili attraverso l'utilizzo dei fondi per la sanità messi a disposizione con il Mes, che per il solo Veneto risulterebbero superiori all'intera somma stanziata dal DL Rilancio per la sanità nazionale.