Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali

Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali

Negoziazione sociale

11/12/2018



la legge di bilancio 2018 ha rinviato al 31 dicembre 2018 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) e del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare

La Fnp Cisl ha pubblicato sulle sue pagine web alcune interessanti notizie in merito alle ristrutturazioni ed alle agevolazioni in merito. Ve la riportiamo integralmente in attesa che anche gli esperti del fiscale Caf Cisl ci diano maggiori informazioni.

 

Nell'ultimo aggiornamento della Guida “Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali” l'Agenzia delle Entrate ribadisce che la legge di bilancio 2018 ha rinviato al 31 dicembre 2018 la possibilità di usufruire della maggiore detrazione Irpef (50%) e del limite massimo di spesa di 96.000 euro per ciascuna unità immobiliare. Salvo che non intervenga una nuova proroga, dal 1° gennaio 2019 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di 48.000 euro.
La stessa legge di bilancio ha introdotto l'obbligo di trasmettere all'Enea le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per la riqualificazione energetica degli edifici. Questa nuova comunicazione è necessaria per monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito con la realizzazione degli interventi di recupero edilizio.
Il 21 novembre l'Enea ha infatti reso disponibile online (ristrutturazioni2018.enea.it) il portale per la trasmissione delle informazioni necessarie a ottenere le detrazioni fiscali del 50% (“bonus ristrutturazioni”) relative agli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o l'utilizzo di fonti rinnovabili di energia, realizzati a partire dall'anno 2018.
La trasmissione dei dati dovrà avvenire entro 90 giorni dalla data di ultimazione dei lavori o del collaudo. Per gli interventi la cui data di fine lavori (come da collaudo delle opere, dal certificato di fine dei lavori o da dichiarazione di conformità) è compresa tra il 1° gennaio e il 21 novembre 2018 (data di apertura del sito) il termine dei 90 giorni decorre dallo stesso 21 novembre, con scadenza, quindi, al 19 febbraio 2019.
L'Enea ha fornito, inoltre, una “Guida rapida alla trasmissione” con tutte le informazioni necessarie per l'invio dei dati.